L’edificio viene edificato negli anni Trenta per ampliare i reparti dei malati “agitati e furiosi”.